Pane dolce alla zucca

Era tanto che ne avevo voglia…riprendere in mano pentole e fornelli e ricominciare ad appuntare anche qui i risultati dei nostri esperimenti culinari. E quale miglior combinazione di fattori dell’autunno che (a fatica) arriva, le prime zucche di stagione e la pasta madre di Francesca che abita di nuovo il nostro frigo?

Spulciando qualche idea su pinterest – nuova passione da mamma – ho per caso trovato questa Ricetta che ho personalizzato con un tocco speziato: il risultato è una gioia per gli occhi e per il naso, ancora prima che per la bocca.

Ingredienti per 20 panini:

  • 550 g di farina multicereali
  • 400 g di purea di zucca
  • 150 g di pasta madre
  • 100 g di zucchero di canna
  • 100 g di latte
  • 60 g di burro
  • 1 bustina di vanillina
  • 2 cucchiaini di cannella in polvere
  • 1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
  • 1/2 cucchiaino di noce moscata in polvere
  • 2 pizzichi di sale
  • 1 cucchiaio di marmellata di fichi (o di albicocche)

Scaldate latte, scioglietevi dentro il burro e lasciateli intiepidire. Nella planetaria col gancio k mettete latte e burro, pasta madre e zucchero e lavorate fino a che il lievito non è sciolto, poi aggiungete la purea di zucca. Cambiate il gancio alla planetaria, aggiungete farina, vanillina, spezie e sale e lavorate l’impasto fino a quando si stacca dalle pareti della ciotola. A seconda del l’umidità della polpa di zucca potrebbe essere necessario aggiungere ancora un poco di farina. Mettete la pasta coperta con la pellicola trasparente nel forno spento con la luce accesa e lasciate crescere fino al raddoppio (la mia pasta madre è pigra: ci sono volute quasi 4 ore). Mettete l’impasto sulla spianatoia, lavoratelo velocemente e dividetelo in 20 parti; formate 20 palline e adagiatele su una placca foderata con la carta da forno: lasciate 1 cm di distanza tra una pallina e l’altra. Coprite con la pellicola e mettetele nuovamente nel forno spento con la luce accesa a crescere. Le nostre hanno riposato per tutta notte, circa 8 ore. Scaldate il forno a 180 gradi e cuocete i panini per 20 minuti. Sfornateli e spennellateli caldi con la marmellata di fichi che avrete sciolto a fiamma bassa con un cucchiaio d’acqua.

Abbiamo cotto il pane stamattina appena alzati per propiziare questo lunedì mattina: il delizioso profumo di spezie ci ha aiutato a partire col piede giusto.

Il pane si conserva morbido per 24 ore se tenuto in una scatola di latta. Io lo surgelo e lo scaldo al mattino per colazione.

Annunci
Published in: on 15 ottobre 2018 at 21:11  Lascia un commento  
Tags: , , , ,

Muffin cioccolato e noci

Oggi il Doc è di turno tutto il giorno, così improvvisiamo una giornata cugini: non succede da tempo e quindi l’evento merita di essere degnamente festeggiato. Grazie alla collaborazione di Gabriella che ha fatto la Kiku-sitter, mettiamo in pista questi muffin, riciclando un uovo di Pasqua non eccezionale e delle noci prese mercoledì al mercato. La ricetta originale la potete trovare qui, io come al solito ho apportato diverse modifiche…

muffinallenoci

Ingredienti per 12 muffin:

  • 90 g di farina 00
  • 90 g di farina di farro
  • 60 g di zucchero di canna
  • 70 g di noci tritate
  • 70 g di cioccolato al latte tritato
  • 2 cucchiai di miele
  • 2 uova
  • 50 ml di olio E.V.O.
  • 50 ml di latte
  • 1 bustina di lievito
  • 1 e 1/2 cucchiaini di cannella in polvere
  • un pizzico di sale
  • 12 metà di noce.

Montate nel mixer con le fruste tutti gli ingredienti liquidi e mescolate in una ciotola tutti quelli secchi. Mettete la pala e aggiungete il composto asciutto un cucchiaio alla volta. Riempite i pirottini per 3/4 e decorate ciascuno con mezza noce; infornate i muffin in forno già caldo a 180° per 20 minuti, sfornate e lasciate raffreddare.

La ricetta è facile e veloce e il risultato è morbido e profumato: si sono fatti mangiare davvero volentieri, anche dal Doc al ritorno dal lavoro!

Lasagne verdi

Ieri, grazie alla preziosa collaborazione del piccolo Kiku che ha controllato minuziosamente la preparazione delle patate e dei fagiolini, abbiamo realizzato una splendida versione delle nostre lasagne al pesto, meritevole di foto e ricetta sullo speziale!

lasagne al pesto

ingredienti per 4 porzioni:

  • una confezione di lasagne sfogliavelo
  • 300 g di certosa
  • 1 confezione di pesto (noi solo quello della suocera o quello di Giovanni Rana)
  • una quindicina di fagiolini
  • una patata di medie dimensioni

Pulite le verdure: tagliate la patata a fette di 1 cm e poi a pezzi, i fagiolini divideteli in 3/4 parti, fate cuocere tutto in acqua salata, scolandoli un po’ al dente. Prendete una pirofila e sporcatene il fondo con poco pesto, poi disponete uno strato di lasagne, 1/4 della certosa a pezzettini, 1/3 delle verdure e un cucchiaio di pesto. Continuate così per altri 3 strati: l’ultimo sarà senza verdure. Mettete in forno caldo a 180° per 25/30 minuti.

lasagne al pesto1

A noi piacciono un poco croccanti, quindi facciamo tutta la cottura con la pirofila scoperta e in forno ventilato; in alternativa si possono fare i primi 20 minuti coprendo la teglia con un foglio di alluminio e scoprendola solo per far gratinare il formaggio. Davvero buone, un piatto da sfruttare sia in casa sia da portare a cena da amici!

Published in: on 18 febbraio 2014 at 15:30  Lascia un commento  
Tags: , ,

Plum cake alle nocciole

Ci sono giornate in cui tutto ti sembra perfetto: ci sono delle nocciole in dispensa, tuo marito è a casa, tuo figlio è felice, aspetti gli amici…così sfruttiamo il doc ai fornelli e ci facciamo ispirare da questa ricettina semplice semplice, che come sempre rivediamo un pochettino secondo i nostri gusti.

torta nocciola

Ingredienti:

  • 4 uova
  • 125 g di zucchero di canna grezzo
  • 40 g di farina 00
  • 40 g di farina di farro
  • 200 g di nocciole tritate
  • 2 cucchiaini di lievito per dolci
  • 100 g di cioccolato fondente grattugiato (noi abbiamo usato le gocce)
  • 2 cucchiaini di cannella
  • zucchero a velo per guarnire

Nel mixer montate con le fruste uova e zucchero per un paio di minuti, poi aggiungete le farine, la cannella e il lievito, infine nocciole e cioccolato. Scaldate il forno a 180°, foderate uno stampo da plum cake con della carta da forno bagnata e strizzata; versate il preparato nello stampo e cuocete per 50 minuti. Lasciate intiepidire, sformate e spolverizzate con lo zucchero a velo.

Dolcino facilissimo, velocissimo e profumatissimo! Apprezzato da grandi e piccini, purtroppo è finito in un soffio…

Published in: on 18 febbraio 2014 at 14:54  Lascia un commento  
Tags: , ,

Cuori banana e gocce di cioccolato

In casa nostra San Valentino è una festa che non viene contemplata, ma oggi si sono verificate una serie di congiunzioni astrali tali da condurci dritti dritti alla rivisitazione un po’ romantica di questa ricetta (che trovate in versione originale su Giallo Zafferano): c’erano delle banane mature, c’era un pochino di tempo libero, gli ultimi pirottini ikea a forma di cuore  e soprattutto una grande voglia di un dolcino sano.

cuori

  • 100 g di burro ammorbidito
  • 100 g di zucchero di canna grezzo
  • 100 ml di latte
  • 2 uova
  • 250 g di polpa di banana frullata (c.a 3 banane mature)
  • 125 g di farina di farro integrale
  • 125 g di farina 00
  • 1 bustina di lievito
  • 150 g di gocce di cioccolato fondente
  • un pizzico di sale

Nel mixer lavorate burro e zucchero, aggiungete un uovo alla volta, il sale, il latte e la purea di banana; in una ciotola mescolate le due farine col lievito e aggiungetele al composto un cucchiaio alla volta. Per ultimo unite le gocce di cioccolato, tenendone da parte un paio di cucchiai per la decorazione. Accendete il forno a 180°, dividete l’impasto in 12 pirottini e decorate ciascuno con un po’ delle gocce di cioccolato avanzate. Cuocete per 25/30 min.

Una ricetta estremamente veloce, dal risultato sorprendente: soffici e gustosi, hanno invaso la casa con un profumo splendido di banana! I muffin sono stati apprezzati da tutti: dal nonno, dalla cugi, dal marito e ovviamente dal nostro assaggiatore preferito…

cuori kiku

 

Published in: on 15 febbraio 2014 at 15:41  Lascia un commento  
Tags: , , ,

Tajine di pollo senza pentola

Tariku monopolizza tutto il mio tempo libero (o quasi), così, non potendo fare un corso di cucina etnica, approfitto della mia santa tata Amina per imparare qualche piatto nuovo della cucina marocchina. Oggi lezione numero due: Tajine di pollo in casseruola europea!

tajine

Ingredienti per 4 persone:

  • 2 cosce e 2 controcosce di pollo
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • una cipolla rossa
  • uno spicchio d’aglio
  • un mazzo di prezzemolo
  • una bustina di zafferano
  • 1/2 cucchiaio di zenzero in polvere
  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere
  • 1/2 cucchiaino di cumino in polvere
  • un’abbondante macinata di pepe misto
  • 1/4 di limone sotto sale
  • 1 cucchiaio d’olio di semi (io ho messo e.v.o.)
  • sale q.b.

facoltativo: un paio di patate e una manciata di olive verdi

Pulite il pollo lasciando la pelle, lavatelo bene e mettetelo a marinare in una ciotola col vino bianco per una decina di minuti, il tempo che vi servirà per preparare il trito e le spezie. Mondate il prezzemolo e tritatelo finemente insieme all’aglio. Mettete il trito in una ciotola, unite tutte le spezie in polvere, il sale, l’olio e il limone tagliato grossolanamente. Scolate il pollo, massaggiatelo bene con la preparazione di prezzemolo e spezie, avendo cura di mandarne un po’ sotto la pelle del pollo. Mettete il pollo in padella, aggiungete la cipolla tritata, l’avanzo del composto di odori e fate cuocere coperto, a fiamma bassissima per 35/45 minuti (dipende dalla grandezza dei pezzi di pollo). A metà cottura potete aggiungere le patate tagliate a pezzettoni e le olive verdi.

Non vi dico il profumo delizioso che abbiamo trovato io e Kiku rientrando oggi pomeriggio: le spezie erano tutte marocchine doc, portate dalla mamma di Amina. Il pollo è delizioso e rimane morbido e sugoso, il sapore è fresco, con le spezie che si sentono, ma non coprono il sapore dei diversi ingredienti. Il tutto casca a fagiolo con gli scrutini tardivi di oggi: rientrare a casa e trovare la cena pronta (e che cena!) non ha prezzo. E gli avanzi finiranno nella schiscetta di domani…yum!

Torta sapore d’autunno

Nel poco tempo libero che ci lascia Tariku, cerchiamo di non perdere le buone (e sane!) abitudini di questa casa: domenica, nonostante tutto, abbiamo fatto la corona dell’Avvento e oggi sperimentiamo una ricettina veloce suggerita dalla santa suocera e trovata sul libro dei funghi di Sale e Pepe. Del resto la giornata è stata emotivamente tosta e ci meritiamo un po’ di consolazione!

torta autunno

Ingredienti:

  • 300 g di funghi misti
  • 200 g di robiola
  • 1 cespo di radicchio
  • 50 g di grana grattugiato
  • 1 uovo
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 rotolo di pasta brisèe
  • olio E.V.O.

Pulite i funghi e affettate i più grandi, fateli saltare in  padella insieme all’olio e all’aglio, regolate di sale e di pepe e portate a cottura. Pulite il radicchio e tagliatelo a listarelle; lavorate in una terrina i due formaggi e l’uovo. Scaldate il forno a 180°, mettete la brisèe nella teglia, spalmate sul fondo il composto di formaggio e disponete sopra funghi e radicchio. Cuocete per ca. 30 minuti, fino a quando la pasta non prende colore; servite tiepida dopo aver condito il radicchio con un filo d’olio.

La torta è facile e veloce da cucinare, il risultato veramente goloso: pensavamo di cenarci anche domani, ma non ne è avanzata molta. Kiku non ha particolarmente gradito l’amaro del radicchio (per fortuna qualcosa non gli piace!), ma non ha resistito alla tentazione di metterci comunque il ditino!

torta autunno tariku

Published in: on 19 novembre 2013 at 21:58  Lascia un commento  
Tags: , , ,

Muffins ai mirtilli rossi e grano saraceno

Ieri pomeriggio di grazia: Tariku dalla nonna, Fatamadrina a cena e un po’ di tempo da dedicare ai fornelli. Abbiamo trovato dei mirtilli rossi disidratati e siamo curiosi di provarli in un dolce, così ci inventiamo questa versione dei muffins, usando le farine che ci sono in casa.

muffin mirtilli rossi

Ingredienti per 12 muffins:

  • 2 uova e un tuorlo
  • 180 g di zucchero di canna grezzo
  • 180 g di burro morbido a dadini
  • 140 g di farina bianca
  • 100 g di farina di grano saraceno
  • 140 g di farina integrale
  • 250 ml di latte tiepido
  • 1 bustina di lievito
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • la scorza di un limone
  • 100 g di mirtilli rossi disidratati
  • una bustina di vanillina (facoltativa)
  • un pizzico di sale

Scaldate il forno a 180° e mettete i pirottini negli stampi da muffins. Nel mixer montate il burro e lo zucchero insieme alla scorza del limone e alla vanillina; quando il composto diventa morbido, aggiungete un uovo alla volta, un pizzico di sale, il bicarbonato, il latte e per finire, un cucchiaio alla volta, le farine mescolate col lievito. A mano, aggiungete i mirtilli e mescolate delicatamente con un cucchiaio di legno. Suddividete l’impasto negli stampi e cuocete per 20 minuti in forno ben caldo; spegnete e lasciate riposare con lo sportello aperto per 5 minuti, poi sfornate e fate raffreddare completamente.

Kiku mirtillo

 Anche i pomeriggi di grazia finiscono: come potete vedere il cucciolo è tornato e ha mostrato di apprezzare i muffins di mamma… Il risultato è soffice, poco dolce come piace a noi e piacevolmente profumato di grano saraceno.

Published in: on 12 novembre 2013 at 10:49  Lascia un commento  
Tags: , ,

Risotto alla zucca baby

Da oggi cominciamo a proporre a Tariku la pappa dei grandi. Del resto ha attentato ai nostri piatti fin dal primo giorno e ha dimostrato più volte di gradire (e digerire!) il cibo vero. Per questo, stasera, risotto alla zucca per tutti e tre. Ma siccome è pur sempre un esperimento, decido di cucinarne una versione baby, e ne approfitto per aggiornare lo speziale, trascurato da tempo! (chissà come mai…)

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ingredienti per 1 bimbo:

  • 50 grammi di zucca gialla già pulita
  • un piccolo pezzettino di cipolla rossa
  • due foglie di salvia
  • un cucchiaino d’olio E.V.O.
  • 1 e 1/2  cucchiai di riso
  • 2 cucchiaini di parmigiano grattugiato
  • brodo vegetale (senza sale) quanto basta per stufare la zucca e il riso

Tritate la cipolla e la zucca finemente, fatele stufare in una padellina con l’olio, le foglie di salvia e un mestolino di brodo, coprite e lasciate cuocere fino a quando non diventano morbide. Lasciate asciugare, togliete la salvia, schiacciate le verdure con una forchetta, poi aggiungete il riso e procedete come un normale risotto, bagnando col brodo all’occorrenza e lasciandolo un po’ brodoso. A cottura, toglietelo dal fuoco e mantecate col formaggio.

Siccome Mr. T non è paziente mi sono portata avanti e ho stufato la zucca nel pomeriggio, in modo da dover solo cuocere il riso all’ultimo. Inutile dirvi che il cucciolo ha spazzolato tutto con molto gusto…sarà merito della bravura della mamma?

Published in: on 22 settembre 2013 at 16:03  Lascia un commento  
Tags: , , ,

Tortino di alici

Stasera, finalmente, ci riprendiamo dal viaggio in Etiopia e dall’incontro col nostro cucciolo prendendoci un po’ di tempo per noi: pisolino e buona cucina. Riprendiamo con una ricetta semplice, ma gustosa e sana: il pescivendolo stamane aveva delle alici freschissime che abbiamo trasformato in un tortino gratinato al forno.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ingredienti per 2 persone:

  • 500 g di alici freschissime, pulite e aperte a libro
  • 4 cucchiai di pan grattato
  • 2 cucchiai di parmiggiano grattugiato
  • qualche rametto di maggiorana, timo, timo limoncello e origano fresco
  • uno spicchietto d’aglio
  • olio E.V.O.
  • pepe.

Tritate nel mixer le foglie delle erbe aromatiche, lo spicchio d’aglio pulito, il pane e il formaggio. Ungete una pirofila con un filo d’olio. Lavate ed asciugate le alici e disponetele a raggiera nella pirofila; cospargetele col trito di pane. Se necessario, ripetete per più strati (noi ne abbiamo fatti due). Completate con un filo d’olio e una macinata di pepe. Cuocete in forno a 180° gradi per circa 30 minuti: il tortino deve fare una bella crosticina croccante ma non bruciacchiata. Lasciate intiepidire e buon appetito!

Contate che il pescivendolo voleva darmi solo 400 g, dose adatta a due persone. Aggiungete che stasera il doc ha gli allenamenti, e quindi non mangia molto…beh: teglia pulita. L’abbiamo accompagnato con delle melanzane bio della coperativa Lunella (la nostra cassetta mista del mese) cotte alla piastra condite con olio e erbe aromatiche: davvero spettacolare.

Published in: on 28 maggio 2013 at 22:15  Lascia un commento  
Tags: ,